Truffa superbonus, indagate 10 persone nel sud Sardegna

DiRedazione

24/05/2024

Avrebbero emesso fatture false per operazioni inesistenti, intascando così i contributi previsti dal Superbonus 110%. Lo hanno scoperto i militari della Guardia di Finanza della Tenenza di Muravera, che hanno sequestrato beni per quasi un milione di euro al titolare e a un tecnico di una ditta edile del Sarrabus (Provincia del Sud Sardegna). Complessivamente, dieci persone sono indagate per indebita percezione di contributi ed emissione di fatture false in concorso.

L’indagine si è inizialmente concentrata sulla ditta del Sarrabus. Secondo la Guardia di Finanza, il titolare della società e gli altri indagati avrebbero generato oltre 610.000 euro di crediti d’imposta mediante l’emissione di fatture per operazioni inesistenti relative a lavori da eseguire o in corso di esecuzione su immobili di proprietari residenti in Sardegna. Questi crediti sono stati poi indebitamente monetizzati per oltre 550.000 euro.

I risultati delle indagini sono stati presentati alla Procura, che ha richiesto al GIP il sequestro dei beni ai fini della confisca. Sono state sequestrate somme di denaro, abitazioni e diversi automezzi nella disponibilità del titolare della ditta individuale e di un tecnico “asseveratore compiacente”. Inoltre, sono stati sequestrati oltre 366.000 euro di crediti d’imposta non ancora compensati.

error: Contenuto protetto