Arzachena. Favate, sfilate e balli a “Lu Carrasciali Alzachinesu”

Parte con due grandi favate, il Giovedì Grasso arzachenese, l’8 febbraio, una nel borgo marino di Cannigione, in piazzetta Lu Muntigghju e l’altra nel centro storico di piazza Risorgimento. Ed entrambe, con appuntamento all’ora di pranzo, con frittelle e musica dal vivo con fisarmonicista.

Lu Carrasciali Alzachinesu prosegue poi domenica 11, dalle ore 14:30, dall’incrocio di viale Costa Smeralda – via Paolo Dettori, con la sfilata di allegorici e gruppi mascherati. Coreografie di apertura a cura delle scuole di danza B-Fit Asd e Well Fit Gallura. Arrivo al piazzale Tanca di Lu Palu e festeggiamenti con street food e la musica dal vivo della Mi – La Band. Martedì 13 febbraio dalle 14:30, sfilata di carnevale con carri allegorici e gruppi mascherati. Coreografie di apertura a cura delle scuole di danza B-Fit Asd e Well Fit Gallura. Esibizione Funky Jazz Band di Berchidda. Arrivo al piazzale Tanca di Lu Palu e festeggiamenti con street food e la musica dal vivo della Mi – La Band. Domenica 18 febbraio, dalle 14:30, infine, dall’ ingresso di via Nazionale a Cannigione, ancora sfilata di carnevale con carri allegorici e gruppi mascherati. Coreografie di apertura a cura delle scuole di danza B-Fit Asd e Well Fit Gallura. Arrivo al porto sul lungomare Andrea Doria e festeggiamenti con street food e la musica dal vivo di Adriano Sotgiu e Domenico Dettori. 

Una Carnevale dunque caratterizzato oltre che dalle sfilate da spettacoli di danza, concerti, dj set e appuntamenti gastronomici con i piatti tipici della tradizione carnevalesca gallurese. L’evento è organizzato dal comitato Chissi di Lu Carrasciali (a parte la favata a Cannigione, organizzata dal Comitato Insieme si può). “L’Amministrazione comunale finanzia il carnevale Arzachenese perché è uno dei momenti di aggregazione più partecipati e sentiti dai giovani e dai bambini” spiega Nicoletta Orecchioni, delegata allo Sport e Spettacolo (la foto è del 2023 pubblicata dal Comune). “Centinaia di persone lavorano per settimane alla preparazione dei carri, dei costumi e delle coreografie per raggiungere l’obiettivo comune di presentare al paese uno spettacolo di qualità, divertente e coinvolgente nelle 4 giornate di festa previste”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *