Palau. Agricoltura sociale, pochi sprechi e ricette proprie delle minoranze etniche caratterizzeranno le mense scolastiche ed estive

Sarà premiata la presenza di prodotti provenienti da agricoltura sociale (carceri o persone con disabilità), oltre che da una strategia contro lo spreco alimentare che includa un monitoraggio costante delle eccedenze. La mensa scolastica ed estiva dovrà essere inoltre luogo di scambio interculturale, con giornate alimentari mensili in cui sperimentare cucine e ricette proprie delle minoranze etniche presenti all’interno delle classi.

Naturalmente dovrà trattarsi di “alimentari di prima qualità, aventi tutti i requisiti di genuinità e di freschezza, privilegiando materie prime fresche e di stagione, escludendo l’uso di spezie e di esaltatori di sapore ed escludendo i cibi precotti”. È quanto prevedono le linee guida dell’Amministrazione comunale di Palau, su indicazione dell’assessora Giulia Parisi, per l’assegnazione della mensa a ridotto impatto ambientale, delle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di 1° grado, per le attività estive per minori e per le persone indigenti.

Il servizio mensa attuale scadrà il prossimo 31 marzo e il nuovo appalto, da assegnare, decorrerà tra dal 1° aprile 2024 con scadenza il 30 giugno 2029.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *