Arzachena, in una chiesa gremita l’ultimo commovente abbraccio a Giovanni Fresi

Sono in corso nella Chiesa Tempio Nuovo di Arzachena, i funerali di Giovanni Fresi, l’orafo di 58 anni per la cui morte è accusato il figlio Michele, di 27.
Una grande folla si è stretta intorno alla famiglia per una morte assurda che ha sconvolto l’intera comunità per la violenza improvvisa che ha armato la mano di Michele Fresi nei confronti del padre.
I fatti risalgono alla notte del 28 dicembre, quando dopo una serata di follia tra un locale e l’altro di Arzachena, caratterizzata da abuso di alcol e droghe, acidi in particolare, il giovane ha colpito alla testa con una mazza di legno il padre, chiamato per cercare di placare gli scatti d’ira del figlio che si stava aggirando per la via principale del paese in stato confusionale e armato di bastone.
Prima di compiere l’omicidio, Michele Fresi aveva aggredito una ragazza di 24 anni con cui stava trascorrendo la serata rompendole la mandibola e ferito anche due Carabinieri arrivati sul posto per arrestarlo. Il giovane è rinchiuso nel carcere sassarese di Bancali.

Redazione

Redazione Teleregione Live - Sardegna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *