Mons. Giuseppe Andrea Salvatore Baturi è il nuovo segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana

DiRedazione

05/07/2022

𝗠𝗼𝗻𝘀. 𝗚𝗶𝘂𝘀𝗲𝗽𝗽𝗲 𝗔𝗻𝗱𝗿𝗲𝗮 𝗦𝗮𝗹𝘃𝗮𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗕𝗮𝘁𝘂𝗿𝗶 𝗲̀ 𝗶𝗹 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗼 𝘀𝗲𝗴𝗿𝗲𝘁𝗮𝗿𝗶𝗼 𝗴𝗲𝗻𝗲𝗿𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗖𝗼𝗻𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲𝗽𝗶𝘀𝗰𝗼𝗽𝗮𝗹𝗲 𝗶𝘁𝗮𝗹𝗶𝗮𝗻𝗮. Lo ha nominato oggi #PapaFrancesco. “Accogliamo questa nomina con gioia, fiducia e gratitudine al Santo Padre”, commenta il card. Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei: “Questa mattina, durante la sessione straordinaria del Consiglio episcopale permanente, abbiamo rinnovato il nostro ringraziamento a mons. Stefano Russo per lo stile e lo zelo con cui ha vissuto il suo mandato. Mi piace leggere la nomina odierna come un ulteriore segno della prossimità e della cura con cui Papa Francesco accompagna il cammino delle nostre Chiese. A mons. Baturi, che dividerà il suo ministero tra Cagliari e Roma, vanno la nostra vicinanza, la nostra preghiera e il nostro augurio. Lo ringraziamo già sin d’ora per lo spirito di servizio con cui ha accolto questo incarico”.

“Accolgo questa nomina come un’ulteriore chiamata a servire le Chiese che sono in Italia, delle quali la Cei è figura concreta di unità”, dichiara mons. Baturi: “Ringrazio il Santo Padre per la fiducia che rinnova nei miei confronti e per l’attenzione e la premura pastorale verso la Chiesa di Cagliari, di cui resterò pastore. Esprimo un grazie sincero alla Presidenza della Cei e al Consiglio episcopale permanente. La mia gratitudine al Presidente, cardinale Matteo Zuppi, con cui avrò modo di condividere un servizio di comunione. Con lui desidero ringraziare i cardinali Bagnasco e Bassetti con cui ho condiviso la mia precedente esperienza nella Segreteria Generale, come direttore dell’Ufficio giuridico e sottosegretario. Un pensiero affettuoso ai precedenti segretari generali: il cardinale Betori e i vescovi Crociata, Galantino e Russo. Consapevole dell’impegno richiesto, confido nella cordiale partecipazione di tutta la diocesi di Cagliari, che potrà arricchirsi di un più profondo inserimento nel cammino della Chiesa in Italia”.