L’evoluzione digitale del nord Sardegna passa per l’I-Lab. Il primo nato nell’isola

Gli scenari cambiano, si adeguano e si trasformano. Ecco che nasce una nuova centralità della trasformazione digitale che richiede la formazione diffusa di capacità digitali.

In questo cammino si inserisce l’Innovation Lab, inaugurato nella sede della Camera di Commercio di Sassari. Perché l’approccio verso l’innovazione è un percorso che non può e non deve individuare un limite; l’innovazione è in continua evoluzione. E in questo senso, l’ente camerale del nord Sardegna ha intenzione di incentivarla e sostenerla per favorire lo sviluppo e la nascita di nuove imprese.

L’Innovation Lab (denominato I-Lab), il primo a nascere in Sardegna, è parte del progetto “Rete Metropolitana del Nord Sardegna, un territorio di città” promosso dalle 8 amministrazioni comunali del Nord Ovest della Sardegna (Sassari, Alghero, Porto Torres, Castelsardo, Sorso, Sennori, Stintino e Valledoria) e sancito dall’ Accordo di Programma di Sviluppo Territoriale siglato nel 2018 con la Regione Sardegna, grazie all’impulso e al fattivo lavoro del Centro Regionale di Programmazione.

“Il percorso per arrivare ad oggi si è fondato sull’esperienza del Punto Impresa Digitale (PID) della Camera di Commercio di Sassari, ed ha incontrato sul proprio sentiero il Centro Regionale di Programmazione e l’Agenzia Sardegna Ricerche con il suo programma di creazione di quattro Laboratori nei principali centri dell’Isola- ha tenuto ad evidenziare il presidente della Camera di Commercio, Stefano Visconti- Una stretta e proficua, collaborazione tra i due Enti che hanno tracciato, operativamente, un percorso finalizzato ad un obiettivo condiviso: la crescita del territorio che passi per la ricerca e l’innovazione da parte delle piccole imprese che costituiscono il tessuto produttivo del nord Sardegna, in particolare delle imprese che operano nei territori della Rete metropolitana di Sassari”.

Nell’I-Lab trovano spazio le attività di accademia digitale, luogo fisico e virtuale all’interno del quale si potrà usufruire di formazione e servizi su vari livelli, da quello base a quelli più elevati e specifici fino al nuovo imprenditore dell’era digitale. Con evidenti vantaggi per tutto il sistema anche secondo quanto emerso dall’incontro dal titolo “La Transizione al digitale: la sfida delle imprese” moderato da Maria Cristina Origlia, giornalista il Sole 24 Ore, insieme ad Andrea Granelli, consulente in strategia e processi digitali ed Antonio Romeo, direttore di Dintec, Consorzio per l’Innovazione Tecnologica, e nell’approfondimento “Gli incentivi per l’innovazione del Piano Nazionale Transizione 4.0” con Maurizio Orco, esperto di finanza agevolata.

In un momento di sintesi e lancio per tutto il sistema insieme al presidente delle Rete metropolitana, Nanni, Campus, Maria Assunta Serra, direttore Generale Sardegna Ricerche, Gianluca Cadeddu, dirigente del Centro regionale di Programmazione ed Alessio Tola, delegato per l’innovazione dell’Università di Sassari. Per un territorio effervescente che cerca e vuole percorrere le rotte dell’innovazione così come nelle esperienze aziendali raccontate da Agreetech, Smart sensory box e Uno Srl.

“L’Innovation Lab è uno spazio moderno e attrezzato per poter lavorare e apprendere i “segreti” delle nuove tecnologie digitali guardando al futuro. Dedicato in particolare alla sperimentazione, la diffusione ed il trasferimento di conoscenze applicate al design, al commercio, all’artigianato, alla moda, all’economia culturale, all’agricoltura.  Favorisce l’incontro tra imprese tradizionali e start up innovative, professionisti ed esperti per avviare e consolidare la trasformazione digitale grazie al supporto dello staff di innovatori e divulgatori digitali che anima e promuove le attività del laboratorio”. Ha detto nel corso del suo intervento la vicepresidente camerale Maria Amelia Lai.

Per dare forma fisica allo spazio dedicato all’Innovation Lab, si è reso necessario apportare modifiche strutturali e di riorganizzazione nella sede camerale. La Camera ha scelto (e non a caso) come spazio fisico da dedicare all’Innovation Lab un luogo simbolo, proprio quello che storicamente è adibito all’accoglienza dell’utenza che si rivolge ai servizi del Registro delle Imprese. La scelta, la realizzazione e la riorganizzazione del nuovo spazio sancisce il passaggio ad una “nuova era della casa delle imprese”: dal tradizionale al digitale. Allo stesso modo si agisce affinché la transizione dal tradizionale al digitale investa il più ampio numero di imprese del nord Sardegna.

L’Innovation Lab è posizionato fisicamente al centro della sede camerale per consentire alle aziende che lo frequenteranno di poter usufruire dei servizi messi a disposizione dall’Ente camerale in modo semplice e senza barriere di alcun tipo. Un vero e proprio fulcro destinato all’innovazione.

“In conclusione, una considerazione- puntualizza il presidente Stefano Visconti- La Camera di Commercio da tempo crede e investe sui temi dell’innovazione e della trasformazione digitale partecipando attivamente a progetti nazionali e comunitari. Il progetto che inauguriamo oggi è la più importante azione per cambiare la prospettiva verso il digitale: l’impresa tradizionale può finalmente vedere l’opportunità del cambiamento tecnologico lasciandosi alle spalle le paure e le titubanze e guardando alle moltissime occasioni di business che si aprono davanti a noi”.

 _________________________________________________________

L’INNOVATION LAB DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI SASSARI

L’Innovation Lab è una struttura di servizio per la transizione digitale dell’economia tradizionale a sostegno delle vocazioni produttive del territorio, in particolare, commercio, artigianato, moda, design, economia culturale e agricoltura.

L’I-Lab è sostenuto dalla rete metropolitana del Nord Sardegna, realizzato dalla Camera di Commercio di Sassari ed è parte della rete degli Innovation Lab promossa da Sardegna Ricerche, in raccordo con il Centro Regionale di Programmazione.

L’idea guida che dà una spinta propulsiva è quella di un centro di competenza specializzato sui  temi del variegato universo del digitale, che lavora in sintonia con gli altri attori del territorio e dell’intera regione nell’ambito della rete degli I-Lab promossa da Sardegna Ricerche.

Un centro che può incrementare l’efficienza generale dei fattori produttivi del territorio facendo leva sulla trasformazione digitale delle imprese, di quelle più piccole e capillari, e la formazione degli imprenditori.

I partner individuati sono le aziende e gli esperti che operano nel digitale e dell’innovazione, i liberi professionisti, gli artigiani, le istituzioni formative e culturali, l’Università, le scuole e le accademie con i servizi allo sviluppo d’impresa innovativa, i FabLab, le associazioni di categoria ed i loro consorzi, le diverse forme associative imprenditoriali.

OBIETTIVI

L’I-Lab, basato sulle metodologie di open innovation, svolgerà la sua attività articolandola in due missioni e farà parte della rete I-Lab promossa da Sardegna Ricerche, una vera e propria rete fisica di Living Lab intesi come “contesti aperti di progettazione, sperimentazione e validazione di nuovi prodotti e servizi, e luogo di interazione tra i soggetti impegnati nella diffusione dell’ICT”.

Le due principali missioni saranno centrate su: Design, Architettura, beni culturali (funzione nell’ambito della rete regionale ILAB) Accademia Digitale e Design, Architettura, beni culturali. L’obiettivo principale della mission sarà: fornire supporto ai processi formativi, facilitazione delle attività creative, sperimentazione, incontro tra domanda ed offerta nel settore della creatività, del design, della moda, dei beni culturali ed architettonici, a sostegno della cultura intesa nella sua accezione più ampia. Non solo come “alta” ma anche come cultura materiale, espressione delle tipicità e storia di un territorio: artigianato, tradizioni, giacimenti enogastronomici, ambiente; disporre di una piattaforma web per facilitare l’interlocuzione tra aziende ICT e potenziale mercato locale; promuovere l’innovazione di organizzazioni culturali e proposte imprenditoriali ad alto valore sociale; supporto alla nascita di nuove imprese tecnologiche;  supporto alle imprese dei comparti tradizionali per la transizione graduale verso un “ambiente” produttivo e di mercato caratterizzato da un elevato livello di digitalizzazione ed automazione. Accademia Digitale La missione ruota intorno al concetto di accademia digitale, luogo fisico e virtuale all’interno del quale l’impresa può usufruire di formazione su vari livelli, dal livello base a quelli più elevati e specifici (da individuare in un’interlocuzione periodica con le imprese e con il mercato in generale) fino al nuovo imprenditore dell’era digitale.

L’obiettivo dell’Accademia Digitale consiste nel mantenimento e potenziamento delle imprese leader ICT locali attraverso la disponibilità di servizi formativi avanzati nell’ambito di alcuni segmenti del mercato digitale come automotive, agricoltura di precisione, big data analisys con iniziative formative che assicurino la disponibilità di un’offerta di lavoro qualificata e dell’aggiornamento state of the art degli operatori del territorio; e nel  supporto alla nascita di un mercato del lavoro locale di addetti e professionisti ICT per esigenze temporanee e durature di personale qualificato delle imprese.

L’I-Lab nasce per sostenere e supportare le dinamiche di crescita digitale del nostro sistema economico.  Capacità digitali che permetteranno all’imprenditore di muoversi e agire in ambienti sempre più dinamici per accrescerne e sedimentarne non solo le pre-comptenze ma definire le competenze imprenditoriali stesse. Dove digitalizzazione & imprenditorialità diventano reale occasione di business e di irrobustimento aziendale. La Camera di Commercio di Sassari, in questo senso, prosegue la sua azione dinamica sul territorio, un’azione ancor più concreta grazie anche alla collaborazione ed al finanziamento dell’Agenzia regionale Sardegna Ricerche ed il fattivo raccordo con il Centro Regionale di Programmazione che hanno condiviso e sostenuto il progetto inserito tra le azioni di irrobustimento del territorio della Rete metropolitana di Sassari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.